Uncovering America il programma

12 ottobre 2018, ore 10 e ore 17 eventi ad ingresso libero
UNCOVERING AMERICA
di  AJ Goldman e Lucia Palmero
curato da Maria Rebecca Ballestra

Uncovering America rappresenta un’occasione di ascoltare a Genova il messaggio dei Nativi Americani in merito alla loro lettura della scoperta dell’Americae sul movimento che vuole trasformare il Columbus Day nell’Indigenous People Day. In quest’ottica, il progetto mette a confronto e in dialogo il lavoro di una artista italiana, Lucia Palmero, con quello di un nativo americano, AJ Goldman.

EGGS OF PHOENIX

Ore 10:00
Incontro con gli studenti
 
Proiezione di tre video-interviste a nativi americani *:

Janet Marie Rogers

Scrittrice Mohawk / Tuscarora di Six Nations, si occupa di poesia, che declina attraverso vari altri strumenti come performance e video. E’ dj radiofonica, produttrice di documentari e artista del suono.

Alex Jacobs / Karoniaktahke

Artista, poeta, performer, ricercatore, insegnante Akwesasne Mohawk. E’ membro del giornale Akwesasne Notes e del gruppo itinerante White Roots of Peace; NYC; si è esibito all’ Amerika Haus di Francoforte, al Linden Museum di Stoccarda e al Talking Stick Festival di Vancouver in British Columbia.

Stephen Houser e sua madre Fidencia Ana Maria Chavez e Gallegos de Houser

Fidencia è scrittrice, autrice di La Casa al lado del Camino e moglie dell'amatissimo artista internazionale di scultura Allen Houser.

Intervento di AJ Goldman

Dibattito con gli studenti

ore 17:00 Sala Colombiana

inaugurazione mostra fotografica dell’artista AJ Goldman
 
ore 17:45 Sala Colombiana e Salotto Turco

Performance degli artisti AJ Goldman e Lucia Palmero

ore 18:00 Sala polifunzionale

Incontro e dibattito
Proiezione del video “Proud to Be” 
Proiezione di tre video interviste a nativi americani*
Intervento di AJ Goldman

Galleria UnimediaModern

HIDDEN IDENTITIES
ore 20.00

Performance di AJ Goldman e Lucia Palmero
Performance sull’opera di Georges Maciunas “U.S.A surpassed all the genocide records!” (1966) ideata da Jean Dupuy.

Leave a comment